In che modo la previsione SEO può aiutarti a ottenere i clienti giusti

Costruire il business case con le previsioni

Un modo per allineare la tua squadra

L’esecuzione di un esercizio di previsione in questa fase non solo aiuta a valutare il potenziale delle possibilità di crescita del lead, ma è anche un passo importante nella calibrazione interna dell’agenzia.

Per Go Up, questo è un “test di fattibilità” che include sia la previsione che un’analisi approfondita delle questioni tecniche, delle opportunità SEO e di altre parti importanti di un audit preliminare svolto dal team strategico.

Se ciò che il team strategico valuta è in accordo con lo scenario previsto e c’è un ROI significativo da presentare a quel cliente, l’agenzia può fare una proposta solida con tutte le opinioni interne allineate.

Per decidere se vale la pena perseguire un lead e controllare il processo, il team strategico non è a conoscenza dei risultati dell’analisi previsionale iniziale, mentre si concentra su:

  • Problemi con il sito web del lead, autorità di dominio, ecc.
  • Opportunità di parole chiave e “quota di mercato” di quell’attività in termini di visibilità.
  • Quali risorse chiave sono necessarie per una campagna SEO di successo: SEO tecnico, PR, UX, CRO, ecc.
  • Il budget rispetto alle possibilità SEO.

Alla fine, individuare l’opportunità giusta è una questione di rispondere alle seguenti domande:

  • Quante entrate può ottenere il cliente?
  • Quanto tempo e quanto dispendioso in termini di risorse occorrerà per raggiungere questi obiettivi?
  • Se tutte le risorse vengono spese nella quantità di tempo concordata, il cliente avrà un ROI positivo?

Se puoi tornare indietro e dire che per un budget mensile di $ 5.000, puoi generare $ 2 milioni in un anno, il ROI è chiaro da entrambe le parti.

Se, al contrario, l’obiettivo SEO del lead non è realistico e il tuo esercizio interno lo ha dimostrato, puoi aiutarlo a prenderne coscienza. Quindi, puoi impostare un nuovo obiettivo o, a seconda dei casi, spiegare loro perché al momento la SEO non è l’approccio di marketing giusto per la loro attività.

“Quando si utilizza la previsione, prendiamo l’intera configurazione al 100%, quindi guardiamo la fetta della torta che riteniamo realistica, che potrebbe essere il 30%”, ha detto James. “Quindi, essendo molto prudenti, lo portiamo al 15%. Quindi possiamo misurare le entrate che il 15% genererà: è ciò che confrontiamo con l’output e il budget richiesto “.

Fare sia l’esercizio di previsione che il test di fattibilità diventa un modo per valutare la forza di una potenziale campagna mantenendo la responsabilità di tutti i membri dell’agenzia coinvolti. Ecco perché, come processo, genera quindi la fiducia necessaria per comunicare con un lead ed evidenziare cosa funziona e cosa no.

Un modo per mostrare le opportunità SEO

Valutare l’opportunità SEO è, come abbiamo visto, un esercizio strategico in sé.

Con una chiara comprensione del panorama di ricerca del lead, i termini di ricerca specifici che puoi ottimizzare e il loro traffico, il confronto con i loro concorrenti, ecc. E lo scenario di previsione nella parte posteriore della tua mente, puoi articolare il loro potenziale di crescita.

Per motivi di trasparenza e comunicazione chiara, puoi presentare la gamma di dati su cui stai basando la tua strategia e spiegare come ciò si traduce nell’opportunità di business che hai scoperto.

“C’era una società di servizi finanziari che lanciava una nuova piattaforma che è venuta da noi e ha detto che se riusciamo a ottenere loro 300 iscrizioni pagate entro il primo anno, allora questa campagna sarà stata un successo assoluto”, ha Luigi Fidone.

Per valutare la fattibilità di tale obiettivo e individuare l’opportunità, l’agenzia ha rimosso tutto ciò che sembrava altamente transazionale, parole chiave a coda corta e così via, e ha progettato l’esercizio di previsione interna intorno a set di parole chiave a coda lunga, sulla base di ricerche approfondite da un simile attività commerciale.

Luigi Fidone ha spiegato:

“Abbiamo analizzato ciò che restava dopo aver rimosso tutto ciò che sembrava davvero succoso. Abbiamo avuto una proposta di valore interessante dopo? Abbiamo preso il volume di ricerca combinato di tutte quelle diverse parole chiave a coda lunga e ci siamo resi conto di poter fornire il ROI nei primi 10 mesi della campagna. Abbiamo fatto la stima del tasso di conversione in base al loro sito web gemello e poi abbiamo pensato: se stiamo aumentando il tasso di conversione del 20% e raggiungiamo gli obiettivi sul 70% di queste parole chiave nella prima pagina, stiamo raggiungendo il punteggio di 300 iscrizioni? La risposta è stata sì, quindi siamo andati dal cliente e abbiamo detto: questi non sono KPI, ma pensiamo che ci sia un modello di business da avere qui “.

Alla fine, il cliente dei servizi finanziari è cresciuto anche più dell’obiettivo iniziale, ed è stato il loro uso interno della metodologia di previsione che ha reso chiaro fin dall’inizio il potenziale di crescita.

Tuttavia, per Go Up, questo è anche il momento in cui chiariscono di aver impostato i KPI dopo che sono stati introdotti i primi miglioramenti tecnici:

“Se modifichi letteralmente i tag del titolo su un sito web, otterrai abbastanza rapidamente un indicatore di come Google interpreta quel cambiamento e di quanto sposta l’ago per il cliente”, ha detto James.

L’impostazione di questo tipo di aspettativa rende l’agenzia sicura di fornire uno scenario previsionale nel terzo o quarto mese di collaborazione e impostare KPI rigidi.

“Una volta apportate le modifiche iniziali, possiamo dire che tutte queste parole chiave qui possono raggiungere le prime 3, queste prime 5, ecc. Torniamo alla previsione e quindi impostiamo i KPI appropriati. Spesso ci legheremo finanziariamente a questi obiettivi “, ha detto James. “Chiederemo al cliente di trattenere il 10% della commissione di gestione mensile. E se, dopo 12 mesi, non raggiungiamo questi KPI, rinunciamo a quel 10%. Ma se lo facciamo, ti invieremo una bella fattura per quel 10%. “

Suggerimento professionale: Sia che tu presenti lo scenario previsionale in fase di lancio o lo utilizzi come bussola interna, non dimenticare l’importanza del riforecasting. Le revisioni aziendali trimestrali sono un buon momento per prendere il polso del cliente e presentare nuove opportunità SEO che hai individuato negli ultimi mesi.

In sintesi

La qualificazione dei clienti per la tua agenzia SEO richiede molto lavoro e risorse, bilanciando tutti i fattori che devi considerare per una collaborazione di successo.

Se è un lead che ti entusiasma ed è adatto alla cultura della tua agenzia, diventa una questione di valutare la fattibilità del loro obiettivo SEO e delle opportunità.

L’utilizzo da parte di Go Up del modulo di previsione di SEOmonitor è un modo semplice per valutare internamente se il ROI del cliente vale la pena, mantenendo tutte le parti responsabili.

Dopotutto, costruire un business case con le previsioni ti aiuta a:

  • Valuta la “quota di mercato” del leader e le sue opportunità di crescita.
  • Comprendi dove puoi fare la differenza e come questo può essere correlato ai risultati aziendali.
  • Valuta la coerenza del ROI e sii onesto riguardo al potenziale rendimento di una campagna.

Con la metodologia di SEOmonitor, puoi fare tutto ciò, mostrando anche il valore aggiunto aziendale che la tua agenzia può creare, modellando traffico aggiuntivo, conversioni e un costo equivalente di Google Ads, che può essere un indicatore dell’impostazione del budget giusto.

Il modulo di previsione è solo una delle soluzioni che SEOmonitor sviluppa per le agenzie per acquisire, gestire e fidelizzare i clienti più rilevanti.

Unisciti a noi nella nostra ricerca per portare maggiore trasparenza nel settore SEO.

Questo elemento è stato inserito in SEO. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guadagna con Google Adsense senza un sito web !!

Qui ti do una nuova opportunità in cui non hai nemmeno bisogno di un sito web. Realizzare un sito web potrebbe essere facile, ma mantenerlo è un compito arduo. Scopri qui come guadagnare con Google Adsense senza avere un sito web.